Implantologia: estetica e funzionalità

L’implantologia dentale è quella branca dell’odontoiatria che si occupa della riabilitazione della bocca di pazienti che hanno perso uno, alcuni o tutti i denti.L’implantologia dentale si propone di ripristinare le funzioni di: <<Estetica>> sorriso – <<Fonetica>> a poter parlare convenientemente e <<Masticazione dei cibi>>  per una corretta digestione e alimentazione.                           

L’impianto dentale è un sostituto artificiale, della radice del dente, in titanio (uno dei materiali più resistenti e bio-compatibili) che, attraverso un procedimento professionale (in un contesto di sterilità dell’ambiente e dell’operatore) viene inserito nell’osso, andando a sostituire la radice del dente mancante. Dopo circa dieci settimane, l’osso aderirà attorno all’impianto creando un intimo contatto (osteointegrazione) riuscendo a sostenere una nuova capsula in ceramica o zirconio che riprodurrà l’aspetto di un vero dente.  

Oggi è possibile con l’ausilio della tecnologia installare più impianti nella stessa seduta, senza provocare alcun dolore e se è necessario ricostruire un intera arcata. L’implantologia dentale si avvicina per caratteristiche e funzionalità ai denti naturali, diversamente dai ponti, con i quali è necessario limare la dentatura sana vicino ai denti mancanti. Un altro vantaggio degli impianti è di avere una durata negli anni superiore rispetto ai ponti che mediamente ogni 7-10 anni vanno incontro ad un rifacimento. Grazie agli impianti dentali potrai dimenticarti di avere una protesi mobile che potrebbe caderti da un momento all’altro.       Il consiglio è di affidarsi ad un professionista con una struttura altamente sterile per l’atto chirurgico, chiedere informazioni sulla qualità degli impianti (visto che in commercio ci sono decine di linee implantari) chiedendo il miglior prodotto, per garanzia e letteratura scientifica consolidata, per la propria salute.

Nel corso degli ultimi anni l’implantologia moderna ha raggiunto risultati all’insegna dell’eccellenza, servendosi delle tecniche più moderne e all’avanguardia delle quali lo STUDIO ASSOCIATO SANTORO si avvale.  

Le faccette dentali dei VIP da oggi sono accessibili a tutti


 Migliorare l’estetica del vostro sorriso in poche sedute si può!

 

Tom Cruise

Le faccette dentali sono una sorta di piccole protesi in ceramica o materiale composito da incollare sui denti imperfetti (nella forma o nella pigmentazione), sono lamine in ceramica dello spessore massimo di sette millimetri.

Sono particolarmente indicate per chiudere spazi irregolari, allungare denti corti, rimodellare dentature imperfette, in casi di discolorazione dei denti, spazi interdentali eccessivi, macchie permanenti, denti rotti o malformati.

 

Il procedimento per applicare le faccette dentali consiste in una prima preparazione del dente, dopodiché viene presa un’impronta con materiali di precisione e in funzione di questa viene fabbricata la faccetta che verrà infine cementata al dente.

Dopo essere state incollate, le faccette di ceramica essendo molto resistenti, non si scoloriscono e non hanno bisogno di manutenzione, a parte la regolare e corretta igiene orale quotidiana.Chiedi subito un consulto senza impegno, chiama lo Studio Santoro al numero 0577 44 174.

I DENTI CAUSA DEL MAL DI TESTA

Il combaciamento dei denti è strettamente connesso all’attività funzionale della muscolatura masticatoria e delle articolazioni temporo-mandibolari.

Quando i denti non combaciano bene la mandibola può subire una modifica nel suo assetto posturale che, a sua volta, può riflettersi in una disfunzione muscolare e articolare da cui può generare dolore nel distretto cranio facciale, quindi mal di testa e cefalee.

FACCETTE dentali, quando fare una valutazione in più.

Non sempre le faccette dentali rappresentano la soluzione ideale alla nostra problematica; infatti, nei casi di seguito elencati, occorre fare una riflessione in più, oppure scegliere una soluzione estetica diversa.

- problemi di bruxismo (che spesso avviene senza che il paziente sia consapevole) per evitare possibili fratture del materiale ma soprattutto per salvaguardare la sua dentatura naturale

- problematiche ortodontiche che potrebbero controindicare il trattamento

- problemi parodontali (piorrea) che va correttamente diagnosticata ed eventualmente trattata prima dell’intervento estetico

- infine è necessaria una corretta valutazione anche dell’aspetto estetico degli altri elementi dentari perchè potrebbero essere indicate sedute di sbiancamento professionale in studio per “uniformare” il colore dei denti tra loro. In caso contrario può risultare più difficile ottenere un risultato cromatico coerente tra i denti trattati e quelli naturali.

FACCETTE dentali, cosa sono?

Sono una sorta di piccole protesi in ceramica o materiale composito da incollare sui denti imperfetti (nella forma, nella pigmentazione), sono lamine in ceramica dello spessore massimo di sette millimetri.

Le faccette dentali posseggono sia caratteristiche legate all’estetica, poiché coprono gli inestetismi dei denti originali, sia caratteristiche mediche vere e proprie, poiché la loro applicazione migliora funzioni compromesse dal tali imperfezioni.

Si pensi, per esempio, alla masticazione, resa magari difficoltosa da un dente storto. Il livello estetico che queste faccette garantiscono, è legato soprattutto al sorriso dell’individuo che accetta l’applicazione.

Ortodonzia linguale, estetica e funzionale.

L’ortodonzia linguale è un trattamento ortodontico che consente l’allineamento dentale mediante apparecchiature fisse applicate sulla superficie interna dei denti.

L’apparecchio Incognito aderisce in maniera precisa sulla superficie interna del dente, a differenza degli attacchi linguali standard non presenta sporgenze tali da dare ingombro alla lingua, i fastidi e le alterazioni fonetiche sono eventi rari e comunque sono limitati alle prime ore dall’applicazione dell’apparecchio. Con questa terapia ortodontica possono essere trattate tutte le tipologie di malocclusioni con risultati superiori rispetto alla tradizionale tecnica che impiega apparecchiature di tipo fisso vestibolari (applicate sulla superfice esterna del dente).

Attraverso un processo di elaborazione tridimensionale dell’impronta dei denti del paziente con la tecnica del cad-cam in grado di rilevarne la geometria, viene realizzato il brackets (attacco) in oro-ibrido e gli archi ortodontici che determineranno lo spostamento dentale fino al raggiungimento dei risultati desiderati.

Ortodonzia dei bambini, quando e perchè.

La prima visita specialistica in ortognatodonzia del piccolo paziente è bene effettuarla a partire dai 5 anni, non è infatti possibile fare una corretta valutazione ortodontica prima dei 5 anni d’età.

Intervenire nella correzione di una problematica dentale nel piccolo paziente prima della crescita cranio-facciale, prima della dentizione permanente rappresenta un grande vantaggio in termini di tempi e risultati.

La terapia ortodontica nei piccoli ha come obiettivo principale l’eliminazione di abitudini viziate (es: succhiamento del pollice), contribuire alla corretta respirazione ed eliminare malocclusioni di natura scheletrica che potrebbero influire negativamente sulla crescita.

In questa fase lo specialista in ortognatodonzia può intervenire in stretta collaborazione con logopedista e l’osteopata.

Ortodonzia vestibolare fissa, il più tradizionale dei trattamenti.

E’ la tipologia di apparecchio ortodontico a cui la nostra esperienza quotidiana rimanda immediatamente, questo apparecchio è composto di brackets (attacchi) in metallo o in ceramica (bianchi) che vengono applicati sulla superficie vestibolare (esterna) del dente; con l’ausilio di fili metallici ad essi legati, si effettuano pressioni sui denti cosi da realizzare i movimenti ortodontici desiderati fino alla corretta posizione della dentatura.

La continua evoluzione di questa tecnica ha portato a realizzare apparecchiature vestibolari di grande confort per il paziente, ci sono infatti dispositivi autoleganti che consentono di evitare utilizzo di suppletive legature metalliche o elastiche tra il filo e il bracket dentale questo riduce notevolmente il disagio.

Sbiancamento dentale

Le tecniche di sbiancamento dei denti si consigliano nel momento in cui la normale igiene, anche se praticata dal dentista, non è più sufficiente a garantire la loro colorazione naturale, generalmente a causa di ragioni come l’età, la tipologia di dente, il fumo, l’alcool, il caffè…

Le tecniche di sbiancamento sono oggi molteplici e alcune molto avanzate, e consentono ormai di ottenere una colorazione dei denti molto chiara ma comunque molto naturale e senza provocare effetti indesiderabili. Infatti la tinta dei denti è legata alla pigmentazione della pelle e al colore di labbra e gengive e quindi, anche se schiarito, il sorriso deve sempre essere in armonia con il resto del viso.

Attenzione però che se i denti presentano dei difetti, dopo lo sbiancamento essi potrebbero risultare ancora più evidenti. Perciò prima di iniziare il trattamento l’ odontoiatra deve sottoporre il paziente ad un accurato esame orale.

Trattamento linguale INCOGNITO

E’ un trattamento ortodontico che consente l’allineamento dentale mediante apparecchiature fisse inseriti sulla superficie interna dei denti, ossia linguale.

Con questa terapia ortodontica possono essere trattate tutte le tipologie di malocclusione  con risultati  superiori alla tecnica tradizionale con apparecchiature di tipo fisso vestibolare.

I fastidi alla lingua e le alterazioni fonetiche sono eventi rari e comunque sono limitati solo alle prime ore dall’applicazione dell’apparecchio, questo perché

l’apparecchio presenta delle caratteristiche notevolmente superiori perché creato appositamente, in modo individualizzato cosi da aderire in maniera precisa sulla superficie linguale del dente a differenza degli attacchi linguali standard,  non presenta sporgenze tali da dare ingombro alla lingua.

Attraverso un processo di elaborazione molto sofisticato viene realizzato il brachet in oro-ibrido, l’utilizzo della tecnica cad-cam consente di calcolare la geometria ottimale dei fili ortodontici da utilizzare cosi da realizzare in maniera precisa lo spostamento dentale fino al raggiungimento ottimale del caso.